Archive for 25 agosto 2017

Un pensiero al giorno

agosto 25, 2017

 

” Carissima mamma,

   da circa un mese non ricevo tue lettere.

   Come state? Ti scrivo per avvertirti

   di non avere nessuna preoccupazione

   se riceverai (o avrai già ricevuto) un

   qualche avviso delle Ferrovie dello Stato [ ].

 

(Antonio Gramsci)

lettere dal carcere

Annunci

Oggi accadeva

agosto 25, 2017

 

A cura di Ennio Boccanera

1471         25       agosto        Città del Vaticano

Risultati immagini

Papa Sisto IV

Viene consacrato a Roma papa Sisto IV, nato a Celle Ligure nel 1414 Francesco Della Rovere. Resterà sul trono di Pietro fino al 1484 e sarà ricordato per la costruzione della Cappella Sistina.

 

Da Tele-sette n°34 del 28/08/15

La storia

Sisto IV, nato Francesco della Rovere (Pecorile, 21 luglio 1414Roma, 12 agosto 1484), è stato il 212º papa della Chiesa cattolica dal 1471 alla morte. Apparteneva all’ordine dei frati minori conventuali.

È il Sisto da cui prende il nome la Cappella Sistina che in seguito, durante il papato del nipote Giulio II, sarà affrescata da Michelangelo. Porta il medesimo nome una seconda cappella, adiacente alla cattedrale di Savona, sepolcro dei suoi genitori.

Il pontificato (1471-1484)

L’elezione al Soglio

 

Dopo la morte di Paolo II, avvenuta il 26 luglio, 18 cardinali si riunirono in conclave il 2 agosto. L’elezione del cardinale Della Rovere, caldeggiata dal duca di Milano Galeazzo Maria Sforza, fu quasi all’insegna della simonia: il nipote di Della Rovere, l’assistente del Conclave Pietro Riario, mercanteggiava con i vari cardinali perché i voti convergessero sullo zio. Così, grazie alle pressioni dei cardinali Latino Orsini, Rodrigo Borgia e Francesco Gonzaga, i porporati il 9 agosto all’unanimità proclamarono Della Rovere nuovo pontefice, che assunse il nome di Sisto IV in omaggio al santo del giorno. Fu incoronato il 25 agosto del 1471 dal cardinale protodiacono Rodrigo Borgia, dopo essere stato consacrato prima vescovo dal Cardinale Guillaume d’Estouteville, come si apprende da recenti studi di genealogia episcopale.

Governo della Chiesa

Le due Crociate contro i Turchi (1472 e 1480)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Martiri di Otranto.

Sisto IV, appena eletto al soglio pontificio, appoggiò una crociata contro l’Impero Ottomano, divenuto estremamente aggressivo e minaccioso nei confronti dell’Europa. Pertanto, dopo aver inviato vari legati presso gli stati europei, il pontefice affidò al cardinale Oliviero Carafa la guida di 10 galee pontificie (unite a quelle veneziane e napoletane) per attaccare il sultano Maometto II. Le liti fra i coalizzati si conclusero nella disfatta quando le milizie cristiane fallirono nella conquista della città di Smirne (la raccolta di fondi presso gli abitanti per sostenere l’impresa ebbe più successo dei tentativi di prendere con la forza la città). Nonostante ciò, Sisto decise di onorare le vane imprese militari del Carafa con un festoso carnevale nel 1473.

La seconda crociata fu invece dettata dalla necessità di difendere l’Italia dalla minaccia dei Turchi, i quali avevano conquistato Otranto l’11 agosto 1480, città sotto assedio dal 28 luglio da parte di una flotta di 150 navi con a bordo diciottomila uomini. Gli stati italiani, fino a quel momento impegnati in guerre fra di loro, si riunirono prontamente in una lega militare. La città di Otranto fu liberata l’8 settembre del 1481. Pacifico da Novara fu inviato per bandire la crociata.

Il Giubileo del 1475

Sisto IV confermò il Giubileo (chiamato così per la prima volta da un pontefice) indetto dal predecessore Paolo II con la bolla Salvator Noster del 26 marzo 1472. Il Giubileo fu funestato da eventi avversi: l’esondazione del Tevere e la conseguente pestilenza causarono un notevole deflusso di pellegrini; lo stesso Papa dovette mettersi in salvo fuori Roma.

L’Immacolata Concezione

Con la bolla Cum Proeexcelsa del 27 febbraio 1477, Sisto IV istituì la festa (8 dicembre) dell’Immacolata concezione della Vergine Maria, promuovendo anche la recita del rosario. Fece inoltre consacrare la Cappella Sistina a Maria Assunta in cielo.

Wikipedia