Archive for the ‘Poesie’ Category

Un ricordo di Silvio Ascoli

marzo 29, 2014

SILVIO ASCOLI

(cliccare sopra l’articolo)

Da Notizie Olivetti del 1 febbraio 2014

*****

Su CATEGORIE  “poesie” troverete tutte le sue opere.

Annunci

LI CONZIJI DER MAGO SIRVIAN

dicembre 28, 2013

“Trovateve da fa’”, “nun v’abbacchiate”,
“nun state co’ le mano ne le mano”,
“che ce vòlete fa’ vie’ da lontano
‘sta crisi che v’angustia le giornate!”

‘Sta sorta de bonissimi conziji
er Mago li dispenza a piene mani
a li disoccupati che domani
nun ponno fa’ magna’ manco li fiji.

Le conoscemo ggià ‘ste frasi mosce
che er potente regala ar disperato:
Maria Antonietta ce l’ha già inzegnato
“Nun ce sta pane? Magnate le briosce!”

S.A.

SETTANTA…E PIU’

dicembre 23, 2013

Settanta, ottanta, oppuramente cento?
Me svejo la matina e…so’ contento!
Tu dichi: “ma de che? Ma sei incoscente?
Nun te n’accorgi che nun servi a gnente?

Te sbaji amico, è lunga la giornata,
statte sicuro ch’è ‘na faticata:
va a fa’ la spesa, traffica ‘n cucina
e t’è passata già mezza matina!

“Papà, io scappo, c’è da annà a la Posta”
(ce sta la fila, manco a fallo apposta)
“La lavatrice papà! Manna er bucato!
co’ tutto ‘sto da fa’, me so’ scordato!”

Poi cori a scola a prenne li nipoti,
prepara er pranzo (gnente tempi voti)
“Nonno m’aiuti? Ciò da fa’ er probblema!
Finito quello ce sta pure er tema.”

Arivo a sera che so’ sconocchiato,
me sto a fà er mazzo mo’ più che ‘n passato,
ma abbasta ‘n bacio oppuro ‘na risata
e me pesa de meno, la giornata.

Silvio Ascoli

CON BELLI IN PALAZZO FIANO

settembre 21, 2013

Berlusconi ha inaugurato la nuova sede di Forza Italia in Palazzo Fiano, a piazza San Lorenzo in Lucina. Non è male ricordare che, nella prima metà dell’Ottocento, lo scantinato del palazzo ospitava un famoso teatro di burattini citato spesso da Belli. Ecco un sonetto:

256. Li bburattini

Checca, sei stata mai ar teatrino
de bburattini in der palazzo Fiano?
Si vvedi, Checca mia, tiengheno inzino
er naso com’e nnoi, l’occhi e le mano.

C’è ll’Arlecchin-batocchio, er Rugantino,
er Tartajja, er Dottore, er Ciarlatano:
ma cquer boccetto poi de Casandrino,
nun c’è un cazzo da dí, ppare un cristiano!

Jeri per la ppiú ccorta io sce sò annata
incirca ar tocco de la Vemmaria
c’allora s’ariopre l’infornata.

E ppoi cor pesator de pescheria
co Pipp’e Peppe Menica e Nnunziata
ce n’annassimo a ccena all’osteria.

Ora, quindi, Palazzo Fiano accoglie altri burattini, e il loro capocordata liftato e ceronato sembra racchiudere in sé proprio  le caratteristiche peggiori delle maschere citate nel sonetto:

ARLECCHINO: Vive di bugie per raggirare le persone, ma lo fa maldestramente, per cui non sempre gli riesce, tuttavia trova sempre, poi, il modo di salvarsi.

RUGANTINO: in origine caricatura del gendarme, e per converso identificato anche col capo dei briganti, personaggio spaccone e nel fondo pusillanime.

DOTTORE: cioè Pantalone, tipico mercante, vecchio, avaro e lussurioso.

TARTAGLIA: maschera affine a quella del Dottore, dalla quale deriva, goffo e corpulento, senza baffi né barba e con la testa rasa (ma attualmente coperta da cuoio lucidato di nero).

CIARLATANO: basta la parola, ma è bene sottolineare “persona che esercita pratiche da guaritore, si approfitta della buona fede delle persone allo scopo di ottenere denaro o altri vantaggi grazie a false promesse”.

CASSANDRINO: vecchio agghindato e arzillo, molto sensibile al fascino femminile, che si lascia facilmente raggirare da qualsiasi donna.

Da: Paolo Grassi

SUPPLICA DEL CAVALIERE ALLA BEATA PRESCRIZIONE

luglio 11, 2013

 

Oh, Santissima Beata,
Tu che salvi dai processi
Tu che accorri, assai invocata,
a salvarmi gli interessi
Deh, proteggimi dal Cielo
dai Collegi Giudicanti,
su di lor distendi un velo
che li ammazzi tutti quanti:
Tribunale, Cassazione,
Corte Costituzionale,
qualche giudice coglione
ch’è cagione d’ogni male !!
Orsù accorri in mia difesa
pria ch’arrivi la sentenza,
che la Destra resti offesa
e del Duce resti senza !!
Se intervieni in mio soccorso
ti prometto, o mia Divina,
qual munifico rimborso
una casa…all’Olgettina !!

Immagine

ER POLLICE

giugno 28, 2013

‘Gni cosa fece ar monno er Padreterno:
impastò l’omo a tutta perfezzione,
scallò l’estate eppoi gelò l’inverno,
inzeppò er mare de pesci a profusione,
fece li monti e li coprì de neve,
foreste co’ la berva e co’ l’ucello
inzomma, che tte dico, a falla breve
nun fece gnente che nun fussi bbello
utile all’Omo e utile ar Creato….
Ma, Padre, te lo dico in devozzione
c’è ‘na cosetta ‘ndo’ te sei sbajato
scuseme tanto pe’ l’osservazzione:
‘sto pollice, che hai messo su le mano
all’Omo proprio Te, Padre Divino
utimamente tutt’er giorno sano
a noi ce serve…. pe’ er telefonino !!!

Immagine

L’importanza del dialetto Romanesco più chiaro de così

maggio 29, 2013

L’importanza del dialetto Romanesco-EZ

(cliccare sopra)

AR DIVO GGIULIO..

maggio 8, 2013

Er Gobbo se n’è ito ne la tomba

portannose i segreti de ‘na vita,

Segreti che pe’ arcuni so’ ‘na bomba

ormai disinnescata e seppellita.

Amichi, che vve dico? Che sto a piagne?

Che me strappo i capelli dar dolore?

Che me so’ unito ar coro de le lagne

pe’ uno che de mafia cià l’odore?

“…se l’è cercata..” disse d’Ambrosoli

che ppe la dignità diede la vita!

E mmo’ po’ esse ch’io m’ariconzoli

davanti a ‘sta boccaccia ammutolita.

Immagine

S. Ascoli

aprile 12, 2013

CONTAGIO ???…

Fratelli d’Italia, noi siam contagiosi,
l’Europa ci tratta da cani rognosi,
Paese d’Eroi, Paese di Santi
ormai chi s’accosta ci tratta coi guanti !
In Arti e Cultura eravamo gloriosi,
or tutti ci trattano come lebbrosi.
Un tempo eravamo più forti, più belli
ma c’era Leonardo e con lui Machiavelli.
Or questo Paese che sembrava eterno
non riesce nemmeno a formare un Governo !!

Silvio Ascoli

Habemus Papam!

marzo 14, 2013

Habemus Papam! E questo sonetto di Belli potrebbe adattarsi alla situazione che Francesco I si trova alle spalle.

Vedremo cosa succederà.

905 [902]. Gnente de novo 1

Nun zò 2 da Papa, nò, ttante sciarlette.

Oh, llui studi un po’ ppiú: llegghi er Vangelo;

e vvederà, ssi mai, che ppuro in Celo

sce sò stati li torbidi e le sette.

E ssi nnun era, dioneguardi, er zelo

de San Micchele co le su’ saette,

l’angeli a Ddio je daveno le fette,3

te lo dich’io, da rivedejje er pelo.

Anzi aringrazzi lui cuer zerra-serra:

ché ssi nnò cchi lo sa cche antra piega

pijjaveno l’affari in Celo e in terra?

Nun ze fa ssegatura senza sega.

Duncue er Papa pò ddí cche cquella guerra

j’ha ddato campo a llui d’uprí bbottega.

Roma, 16 febbraio 1833

1 Nil sub Sole novum. 2 Non sono. 3 Battiture.

PAOLO GRASSI