Archive for the ‘CAPPELLA SISTINA’ Category

Oggi accadeva

marzo 4, 2017

A cura di Ennio Boccanera

4 marzo 1525     Roma

Roma – Impazza il Carnevale: una fila di carri allegorici attraversa la città. Rappresentano scene della vita di alcune prostitute che si pentono, per l’Anno Santo, e confessano i loro peccati nei dettagli più scabrosi. Durante il Carnevale è autorizzato l’uso della maschera in modo che uomini e donne trasgressivi non possono essere riconosciuti.  Già i Saturnali dell’antica Roma erano feste sfrenate, soprattutto per la libertà sessuale.

 

Dal Messaggero del 03/03/2009

Alla faccia della coerenza

novembre 25, 2016

Carissimi, in queste ore mi stavo incazzando su De Luca ….. ma poi i Monarchici5S me lo riabilitano alla grande… leggete un pò ! dall’Unità di oggi:
” Ai limiti – e probabilmente oltre- della correttezza istituzionale, il consiglio comunale di Roma verrà trascinato da Virginia Raggi a schierarsi per il No al referendum del 4 dicembre.
Del blitz dà notizia oggi Il Messaggero e naturalmente la cosa ha scatenato subito una bufera politica. Con il deputato Pd Mauro Miccoli che dichiara: “Cosa c’entri il Campidoglio su un voto nazionale non si capisce, ma forse la Raggi ha avuto indicazione di fare questa forzatura istituzionale direttamente da Grillo e dalla Casaleggio Associati. Di certo la sindaca sappia che a questa vergogna ci opporremo in tutti i modi, che l’Aula Giulio Cesare venga utilizzata come una sezione del Partito dei 5 Stelle”. Il “piano” del M5S e della sindaca è questo: martedì o mercoledì – dunque a pochissimi giorni dal voto – il consiglio comunale dovrebbe approvare una mozione del capogruppo M5S Ferrara che impegna la Raggi “a farsi promotrice della volontà espressa dal consiglio comunale e delle perplessità evidenziate”, perplessità che subito dopo vengono trasformate in “fortissimo allarme per la deriva autoritaria in atto”.
Un atto che dovrebbe essere votato anche dai Fratelli d’Italia e Lista Marchini. Una forzatura istituzionale che ha pochissimi precedenti (non a caso, la stessa operazione è stata compiuta a Napoli dal sindaco De Magistris: non esiste che Milano o Bologna o Firenze approvino una mozione per il Sì. E’ evidente che il 4 dicembre è una data importante anche per il M5S nazionale e romano. Nella Capitale infatti la giunta Raggi continua a non mostrarsi all’altezza dei problemi di Roma senza peraltro che i dissidi interni vengano in qualche modo ricomposti (l’affaire Marra su tutti): ecco perché la sindaca in prima persona intende giocarsi bene questa battaglia, mentre il movimento grillino, a Roma, sta riempendo di propaganda per il No tutti gli spazi possibili; persino all’interno degli autobus…”
Come dicono loro ? Meditate gente, meditate

Inviato da Fabio Fabiani

Il punto

dicembre 13, 2015

Sulla truffa della 4 banche.oramai tutti hanno letto e tutti,quelli che desiderano approfondire,hanno ormai chiaro quanto è accaduto,che cosa sono le obbligazioni subordinate e come sia facile per funzionari di banca disonesti raggirare i risparmiatori sprovveduti.
Colpisce,ma senza stupirsene troppo,la violenza con la quale le opposizioni e non solo, si sono scagliate contro il governo Renzi reo di aver realizzato il famoso decreto salvabanche;le occasioni per sgretolare l’esecutivo,per scavarne la credibilità,per recuperare un vantaggio elettorale meschino,vanno colte al volo,anche a costo di spargere conoscenze addomesticate,disegnare una vicenda dolorosa a solo fini propagandistici,e in definitiva a non contribuire alla crescita del paese.
Queste forze politiche,diciamo così,dovrebbero collaborare ad una riforma profonda del sistema creditizio italiano quanto mai necessaria e sempre rinviata,nonostante i ripetuti attacchi dei furbetti di turno ai forzieri delle Banche e alla rivalsa di queste sui piccoli risparmiatori;ricordiamoci di Coppola e Ricucci,del G8 di Balducci e Anemone,fino al governatore Fazio a Fiorani,senza risalire ai crac più famosi di Cirio e del gioiellino di Tanzi.
Il Governo Renzi ha approvato un decreto,detto il salvabanche, con il quale le 4 banche in difficoltà possono continuare a svolgere il loro lavoro grazie al fondo interbancario di 3,6 miliardi interamente a carico delle maggiori banche,mentre i crediti in sofferenza saranno convogliati su una BadBank appositamente creata,in modo tale da traghettarle verso una vendita più facilitata;in questo modo si rendono salvi i correntisti e i depositi e le obbligazioni ordinarie;i default,le liquidazioni eventuali si accollano agli azionisti ed ai possessori di subordinate
;questo è tutto in linea esattamente con la normativa di Bruxelles in vigore dal 1 gennaio prossimo.
In contemporanea è stato creato un fondo di solidarietà di 100 milioni per coloro che sono stati truffati,situazione che sarà valutata non da Consob,ma da un gruppo di esperti di indubbio valore e capacitàcome in Spagna.
Da ultimo va sottolineata la campagna di disinformazione delle cosidette destre italiane ,tendente a screditare la Unione Europea e a minarne il senso di insieme,sostenendo che la Germania ha dapprima risolto la sua crisi bancaria con denaro pubblico,poi ha proibito ad altri paesi di fare altrettanto con un accordo specifico imposto loro.
Va sottolineato che qualunque salvataggio pubblico ha bisogno di prestiti,e tanto più il salvataggio è necessario tanto più i prestiti sono onerosi;ora l’Italia gode di un tasso molto favorevole e appesantirlo sarebbe un suicidio;inoltre va aggiunto che la consapevolezza da parte del mondo creditizio di avere come paracadute lo Stato,ne aumenterebbe la irresponsabilità e la famelicità dei furbetti.
Piuttosto bisognerebbe fare come fece l’America dopo la crisi del 2008,dopo averle ricapitalizzate con denaro pubblico;vale a dire stressare i bilanci delle banche,azzerarne i vertici e favorirne gli accorpamenti.
Ma a Salvini,Berlusconi,Meloni,ai giovani 5S,preme di più lucrare qualche voto dalla disperazione di povera gente,soffiando sulle responsabilità che si rendano più facili da raggiungere, piuttosto che proporre riforme che  portino il paese verso una più completa maturità,dividendone gli onori con la maggioranza e incrociando i veri interessi della gente.
Umberto C

Il Punto

dicembre 2, 2015

Nel prossimo weekend il Partito democratico si appresta ad uno sforzo organizzativo senza precedenti:1200 banchetti in tutta Italia per dimostrare di esserci,per lanciare un messaggio forte alla carenza di iscrizioni e di partecipazione;il Partito democratico vuole riaccendere quell’entusiasmo nella base che sembra almeno appannato.
Poi l’11 dicembre si aprirà la Leopolda il cui titolo sarà”Terra agli uomini”,niente meno.
Nel tempo della sparizione delle ideologie tutto sembra un vuoto scenico,la rappresentazione di una scenografia senza anima,una iniziativa incapace di suscitare dibattito e approfondimento,destinata ad inabbissarsi quando si chiude il sipario.
Ma,si dice,le ideologie,il collante in grado di unire la passione con la fede,non ci sono più;e invece è il contrario:le ideologie ci sono,ci sono sempre state ed hanno accompagnato il cammino dell’uomo nella Storia;manca la volontà di produrle,sopraffatta dalla pigrizia,dalla paura di reinventarsi un modello di società,dall’incapacità di rimettere in discussione la perversione del consumismo che ci ha invaso l’animo e la mente più di qualsiasi ideologia nazifascista o autoritaria o confessionale.
La sinistra avrebbe il suo manifesto programmatico:la base è in discussione in questi giorni a Parigi dove 127 paesi del mondo stanno discutendo della sopravvivenza di 7 miliardi di abitanti della terra,la cui esistenza è legata a calcoli di bassa lega come :in che modo verranno resi disponibili i 150 mld di euro,necessari alla messa in sicurezza del pianeta,come saranno ripartiti,chi e in quale misura dovrà ridurre la combustione di minerali fossili,e in questo caso,come i paesi ricchi dovranno rimborsare i paesi poveri.
Intanto il Giappone riapre la caccia alle balene superstiti,una specie animale sparisce ogni 15 minuti,13 milioni di ettari di foreste pluviali all’anno vengono distrutte,il clima sarà responsabile di 250 milioni di rifugiati a metà secolo.
Uno studio di Thomas Piketty ha evidenziato che i 7 miliardi di abitanti emettono ogni anno 6 tonnellate di co2 a persona,ma che gli abitanti di Africa,Asia meridionale e Sudest asiatico sono responsabili di meno di 2 tonnellate,mentre 70 milioni di individui,in America del Nord e Europa,ne producono 100 tonnellate procapite;da soli questi 70 milioni sono responsabili di circa il 15% delle emissioni totali;da cui deriva che i famosi 150 miliardi dovrebbero essere così versati:85 dagli americani,24 dagli europei e il resto da tutti gli altri.
Risulta difficile richiamare all’ordine i paesi emergenti,dal momento che i ricchi,non solo si sono spartiti ricchezze e diritti,ma hanno riversato sui poveri,i diseredati ,anche gli sconquassi che le alterazioni climatiche producono,abitando dove sono più numerosi e devastanti i loro effetti.
Il povero deve patire anche la beffa di dover pagare solo lui il conto della dissolutezza di chi ha razziato il pianeta al solo scopo di organizzare la propria vita all’insegna dello spreco e della inutile ricchezza.
Il povero non avrà certo la possibilità di emigrare,poniamo, su Marte,a bordo di un’astronave con motore Alfaromeo e con la carrozzeria Pininfarina,lui dovrà vagare tra alluvioni e desertificazione,tra fame e carestie.
Allora produrre una piattaforma politica,al cui centro c’è l’uomo e la sua vita avvenire,la produzione di beni ecosostenibile,il rispetto e la salvaguardia del pianeta per lasciarlo alle generazioni future almeno come lo abbiamo ereditato,il rispetto per le altre specie animali,il riscatto da questo consumo forsennato e bulimico,vi pare poco?vi pare poco discutere di questo alla Leopolda,oltre che di organizzazione del partito,dei suoi organi statutari o di come gestire le sezioni ?forse questa è la strada per recuperare l’entusiasmo della base,per rimotivarne l’adesione al partito e sollecitarne l’attività.
Umberto C

Il Punto

novembre 23, 2015

Tutto è cominciato ,come si ricorderà,a dicembre del 2010 in Tunisia.
Un ambulante si diede fuoco per protestare contro la polizia che gli aveva sequestrato la merce:immediatamente la notizia in rete fece il giro del mondo e si scatenò in Egitto,Libia,Barhein,Yemen,Algeria,Giordania e Siria quella rivoluzione che poi fu identificata giornalisticamente come la Primavera Araba.
Il movimento ebbe origine dalle condizioni umane,sociali ed economiche che quei popoli,tutti sotto dittature disumane,e che pativano stenti e torture quotidiane;ma mancò organizzazione,pianificazione,guida riconosciuta e quindi con i petrodollari dell’Arabia Saudita il fondamentalismo islamico prese il sopravvento e la primavera araba divenne l’autunno del Medio oriente,il vaso di Pandora da cui si liberarono i venti della destabilizzazione del mondo occidentale e chissà con quali conseguenze.
In Egitto i Fratelli Musulmani,in Libia l’anarchia totale,nello Yemen Al Qaeda ,in Siria la guerra civile,hanno ben presto chiuso in un incubo di paure e morti l’area più destabilizzata del mondo;gli interessi,per così dire,imperialisti di Russia,Cina e Europa con gli Usa, impediscono una qualche soluzione per la normalizzazione dell’area.
Da qui il terrorismo  sanguinario,autofinanziato dal petrolio di contrabbando e altro,fondamentalista e fanatico che si alimenta nella emarginazione delle banlieu,delle periferie delle città europee,dalla povertà,con il pessimo apporto dei social e da quell’avventurismo che sempre anima giovani esaltati e esaltabili,senza prospettive ideologiche di cui l’età immatura si nutre.
Da qui il terrorismo organizzato ed astuto che richiama e attrae le centinaia di cellule del terrore sparse per il medio oriente,contrastate e disperse da americani e inglesi,ne incoraggia,come in Mali,attacchi suicidi e azioni assassine,ne rivendica l’assoldamento e l’inserimento,come dicono con impudicizia estrema,nello Stato Islamico del Califfato.
Da qui il terrorismo che ora si chiama Is e che poi,sconfitto militarmente,si chiamera’ in altro modo perchè gli occidentali avranno come sempre scambiato gli effetti con le cause e avranno curato i sintomi invece che la malattia;avranno avuto ragione,forse, militarmente contro le bandiere  nere del Califfato,ma avranno lasciato una volta di più quei popoli nelle mani sanguinarie di qualche dittatore che ne spegnerà speranze e illusioni o ,peggio,al vento degli appetiti di potenze neocolonialiste senza troppi scrupoli nello sfruttare terre ricche non solo di petrolio.
E’ come se noi ci illudessimo che ,avendo arrestato Riina e Provenzano,la mafia non ci fosse più,sparita con la sparizione dei capi più efferati,senza porci il problema di come bonificare un territorio dimenticato dallo Stato,che fornisce l’acqua di coltura alla criminalità.
Bisogna fare attenzione perchè il rischio che con il terrorismo ci si debba perfino convivere,come capita al popolo ebraico,che si ostina a non riconoscere i diritti dei palestinesi,è reale e minerebbe la nostra organizzazione sociale,la nostra economia,le nostre certezze democratiche.
Umberto  C

Il Punto

novembre 8, 2015

Ammettiamolo!è stato un weekend in cui la politica ha emesso il suo ruggito forte,alto e ha detto a tutti coloro che si ostinano nell’indifferenza ,che sbagliano a non fidarsi della sua guida morale e amministrativa,che sbagliano a sattovalutarne l’importanza per lo sviluppo della società e per la fondamentale forza riformatrice.
Si è iniziato sabato al Quirino,dove,andato per curiosità verso la nascita della cosa rossa,poi chiamata invece “sinistra italiana”,ho potuto constatare che tra chiome bianche di antichi e onorati dirigenti del vecchio Pci,oramai ingialliti dal tempo come vecchi dagherrotipi,e recenti rampanti bocconiani in maniche di camicia,l’unica proposta politica annunciata sono state le pernacchie al Pd e gli insulti al suo segretario,derisioni verso il governo di centrosinistra,sberleffi all’azione  riformatrice dello stesso,e previsioni di derive autoritarie dietro l’angolo.
In realtà l’unica cosa chiara è,se non si divideranno presto come hanno cominciato a fare Civati e Landini,che la loro azione politica sarà danneggiare il Partito democratico e,come sempre aiutare i morti di destra a risorgere.
A Bologna invece,domenica,si è svolta la manifestazione della Lega con l’intervento e la solita intemerata di Berlusconi,per l’occasione scongelato dagli ozii di Arcore.
Qui il copione sembrava scitto per il Bagaglino,per Bombolo e per Martufello;si andava dalle offese grevi e storiche di Salvini,dalle minacce nei confronti dei parassiti che vivono sulle spalle di chi produce agli insulti al povero Alfano,colpevole di aver fomentato il più grande e disperato esodo della storia al fine di diffondere la religione mussulmana e schiacciare nell’isolamento i poveri cristiani.
Berlusconi,in versione blu notte,ha incendiato la folla con lo slogan che con Silvio,Matteo e Giorgia non ce ne è per nessuno;e tutti i presenti,in gita premio,hanno finto un entusiasmo da cinecittà.
Un vero sollazzo.
Concordo invece con l’articolo di Scalfari su Repubblica,che analizzando lo scenario politico italiano e forse europeo,sostiene che a causa della sfiducia verso i partiti,il disconoscimento della loro funzione sociale,la loro irrilevante rappresentatività,si va profilando sempre più marcatamente da parte della popolazione un sempre maggior consenso nei confronti di un Leader,visto come un deus ex machina,che possa sostituire ,con i suoi pieni poteri,le lentezze delle istituzioni democratiche,e a cui si possano delegare tutte le responsabilità nella direzione del paese.
E dunque,precisa l’articolo,per questo motivo vanno ricercate le contromisure ,i contrappesi su cui la democrazia può poggiarsi senza affanni.
Togliere al parlamento il potere di elezione o nomina di organismi come la Corte Costituzionale ,investendone la Presidenza della Repubblica o il Consiglio superiore della magistratura,può certamente bilanciare,ad esempio,un eventuale potere personale e autoritario.
Così come organismi di controllo,che giudichino l’efficacia dell’azione di governo,autonomi,formati da presidenti di camera e senato e rispondenti al Presidente della Repubblica,porterebbero al riequilibrio nella situazione che si va delineando e che sembra ineluttabile.
Tutto ciò sembra di buon senso,ma chi dovrebbe realizzarli questi contrappesi?
Qui le cose si complicano.
Umberto C

Il Punto

novembre 2, 2015


Pasolini,è giusto ricordare un grande italiano morto 40 anni fa,in un saggio sul cinema,definiva Alberto Sordi il più grande attore italiano,ma quello meno accettato all’estero;e ne spiegava anche il perchè.
Alberto Sordi aveva una capacità straordinaria di assorbire un personaggio,farlo suo studiandolo in modo maniacale,poi lo rendeva al pubblico distruggendolo senza pietà,senza un briciolo di amore assolutorio.
Si rideva e questo era il suo capolavoro;faceva ridere nonostante ci sbattesse in faccia i nostri difetti,ci divertiva anche se ci dipingeva come dei mostri;guardavamo allo specchio i nostri conformismi e i nostri pregiudizi,le nostre vigliaccherie e ne ridevamo,magari con il desiderio di imitarlo;questo il mondo anglosassone,calvinista,protestante,cattolico sul serio non poteva capirlo,non si rendeva conto che potessero vivere personaggi come il seduttore,o come il mercante di bambini,lo sbruffone forte con i deboli ma pronto a piegarsi davanti ad un potente,come il vigile,un imprenditore fallito e fascistello che pensa di uccidere la moglie perchè la travisa come un nemico,essendo questa migliore di lui.
Ora pensate cosa ne avrebbe fatto di Tavecchio,il presidente della Figc;questo personaggio vecchio,che ricorda i bulli di periferia del dopoguerra,la cui cultura lo spinge a considerare le donne come oggetto di compiacimento per l’uomo,mentre se sportive,forse lesbiche;il cui pregiudizio gli ricorda che la più grande offesa da arrecare ad un uomo sia gridargli “A frocio!”;che il suo razzismo gli impone i neri come mangiatori di banane,mentre noi,con la più totale liberalità li accogliamo e li trattiamo come fossero esseri umani ,e gli ebrei dipinti con lo stereotipo shakespiriano del Mercante di Venezia.
Questo personaggio,vero italiano incomprensibile all’estero,dovrebbe incarnare tutti i più sani principi dello sport,la lealta’,l’uguaglianza,il rispetto;invece,essendo il capo del calcio,se ne frega, e si abbandona all’imitazione di tutte le storture di questo sport,rappresentandole tutte,mentre dovrebbe contribuire a riformarlo,a rimuovere  le incrostazioni che periodicamente ne mettono in crisi la credibilità.
Lui è imperturbabile,e,come tutti i guitti del nostro paese,assurti chissà come a ruoli di vertice,non solo non pensa di dimettersi chiedendo scusa a tutti coloro che ha offeso,ma invoca complotti,denuncia tranelli di avversari,insomma la solita assoluta,mancanza di dignità,di rettitudine morale,il solito pressappochismo etico,la solita sbruffoneria,che il grande Sordi andava cercando sui tram,per le vie di Roma,nei mercati e,assorbendoli,ce li rendeva ,con il suo cinema,senza pietà,senza possibilità di redenzione,con la stessa crudeltà dei bambini che distruggono i giocattoli che non amano più e anzi li ripugnano.
Umberto C

Il Punto

ottobre 24, 2015

Oramai non colpiscono più tanto i fenomeni corruttivi o di infedeltà degli impiegati pubblici,ma il senso di smarrimento degli inquirenti che si trovano davanti fatti che sembrano sistemici,fino a rilevare da parte dei corrotti addirittura giustificazioni morali alle mazzette o all’assenteismo programmato.
I guasti dei venti anni di politica allegra fatta di inviti a ignorare le regole civili e morali,mostrano oggi tutti i disastri prodotti,i vuoti di responsabilità,le mafie infiltrate nel tessuto italiano,il malaffare che sembra sfidare gli organi inquirenti da dentro il bozzolo dell’impunità.
La corruzione in questi ultimi anni ha fatto un salto di qualità forse definitivo,senza possibilità di ritorno se non con una azione complessiva,totale dell’opinione pubblica,della società civile.
In passato la politica corrotta dal malaffare,si piegava in suo soccorso,pagava il dazio in una opera di restituzione di quanto aveva ricevuto in occasioni di guadagni illeciti;ora i corrotti hanno fatto in modo da inserire propri sodali nei punti chiave della amministrazione pubblica,così da creare una vera e propria filiera di mascalzoni che rubano denaro pubblico senza avere bisogno più della politica,in quanto sono essi stessi la politica;è quello che è avvenuto a Roma con l’ineffabile sindaco Alemanno,è quello che probabilmente scoperchierà il processo ai corrotti di Roma il 5 novembre.
Roma sarà uno spartiacque nei prossimi anni per un paese che si riscatti;il nuovo sindaco dovrà avere l’appoggio di tutte le forze politiche che lo eleggeranno,dell’opinione pubblica,ma soprattutto dovrà avere la forza di portarsi dietro tutta una classe dirigente che sostituisca i vari direttori generali,amm.delegati,presidenti di enti più o meno utili,insomma dovrà fare quello che non ha potuto o saputo fare Marino,abbandonato dal Partito Democratico ancor prima di essere eletto;e,forse,non sapremo mai se avrebbe saputo guidare il contrattacco contro la Suburra fino in fondo.
Umberto C

Il Punto

ottobre 14, 2015

Doveva aprire i lavori del convegno”la giornata contro la corruzione” il vice presidente della Regione Lombardia,e invece Mario Mantovani,braccio destro di Maroni,non l’ha potuto fare perchè è stato trasferito a San Vittore con le accuse di corruzione  aggravata,turbativa d’asta e concussione,insieme ad altri tre funzionari;il gip li ha definiti persone con “una spiccata capacità criminale”.
Sarebbe un soggetto per un film satirico di Alberto Sordi che,per altro,aveva già spiegato tutto nei suoi film,basta riguardarseli e la storia di questo paese, che non sarà mai normalizzato, riesce fuori con tutte le sue grottesche contraddizioni;ma neanche al grande Albertone e ai suoi sceneggiatori sarebbe venuta in mente una difesa a favore del malfattore,pronunciata da un ex capo di governo accusato e condannato per evasione fiscale,accusato di aver corrotto giudici e magistrati,di aver indotto alla prostituzione anche minorenni,di avere scheletri nell’armadio in tutte le attività delle sue aziende.
Costui si è detto stupito perchè conosceva Mantovani come persona corretta;ma che ne sa lui della correttezza,non conosce l’articolo,lui che è stato processato per aver infranto tutte le regole di ogni ordine giuridico ed etico,lui che con l’ esempio in parole e opere ci ha lasciato una carcassa di società senza più lo straccio di una morale civica,una società incoraggiata al libero arricchimento,dove ogni giorno spuntano fuori, come funghi velenosi dopo una piovuta,incredibili segni di corruzione perfino sulla salute dei malati gravi.
Ma lui garantisce,e allora c’è sempre qualcuno che pensa:”ma se garantisce lui allora…”
E’ la nostra cultura che è nata dalle commedie di Plauto e Aristofane,dagli sberleffi atroci di attori e commediografi,la nostra cultura che si compiace di farsi beffe dello Stato,che sdiliquisce dietro al ciarlatano di turno,lieta di potergli rimettere tutte le decisioni,purchè gli siano garantiti gli svaghi e gli agi conquistati;è la nostra cultura,fatta di cinico distacco, che però ci tiene in vita da 2000 anni e ci ha permesso di passare indenni tra tintinii di sciabole,P2,bande armate di delinquenti ,terroristi e assassini di ogni risma.
Forse ne abbiamo viste troppe per poterci stupire e incazzare ancora.
Umberto C

Il Punto

ottobre 12, 2015

Ci sono due accuse che ripetutamente vengono rivolte al presidente del consiglio Matteo Renzi,soprattutto dalla stampa,così detta,di sinistra,tra cui Repubblica.
La prima ,mi permetto,più banale ed evidentemente falsa,quella cioè di somigliare a Berlusconi,esserne una emanazione mediatica,ricalcarne l’improntitudine parolaia di chi promette e non mantiene,insomma un incantatore di gonzi.
Che il premier si serva del mezzo televisvo con buona capacità,sfruttandolo per offrire la migliore delle immagini,sembra ovvio dal momento della sovraesposizione a cui è obbligato un capo di governo;ma la preparazione che da’ di qualunque argomento che gli viene sottoposto,l’esaurienti risposte e la profondità delle soluzioni e soprattutto,a differenza del suo preteso modello,il senso di servizio dello Stato,al contrario dell’altro,che dava sempre l’impressione di essere al servizio dei suoi affari,ne fanno un personaggio unico e moderno,un capo di governo affidabile,fino a prova del contrario.
Se ne può discutere nel merito,ma le Riforme sono state tutte avviate ed alcune risolte,i metodi alcune volte criticabili,le alleanze discutibili,ma va tenuto presente che la configurazione del Parlamento è responsabilità di chi ha gestito le elezioni del 2013 e che il Pd ha necessità di coalizioni,non disponendo di una maggioranza assoluta.
Accusare,come fanno i giornali di sinistra e alcuni maestri del giornalismo italiano,costantemente di autoritarismo le riforme costituzionali,di mendacia le riforme di carattere economico,di mancanza di fondi la riduzione di alcune tasse risulta alla lunga strumentale e preconcetto.
La seconda critica è più profonda:non c’è dubbio che Renzi ha disarticolato i principi fondanti del socialismo tradizionale,ha sovvertito le alleanze e le contrapposizioni su cui la nostra cultura si poggiava senza tentennamenti;ha continuato ad annullare le differenze ideologiche che la divisione per classi della società novecentesca presentava,ha raccolto e sviluppato la liquidità del partito e ne ha aumentato l’aspirazione maggioritaria;ma ha anche ereditato una crisi della economia mondiale terrificante,pericolosa,che portava in sè le tossine dell’antidemocraticismo,delle soluzioni demagogiche,della difesa dei propri confini con la xenofobia e l’odio razziale,i fondamentalismi religiosi.
Si è rivolto a chi produce la ricchezza,nella scelta compiuta del liberismo di mercato,alla grande produzione,consapevole che l’unica possibilità di tenere coesa la nostra società era invertire la tendenza economica,battere la depressione;ha chiamato la Confindustria a questa crociata,l’ha resa compartecipe riconoscendole dei vantaggi,ha identificato in Marchionne l’emblema della nuova alleanza,deponendo l’immagine del vecchio nemico,forse momentaneamente.
E’ quello che non hanno capito i sindacati,per questo sono scomparsi,è quello che non ha potuto capire la Fiom,altrimenti si sarebbe autocancellata,è quello che fingono di non capite Bersani e compagnia ,mentre sono rimasti in mezzo al guado,tra l’incapacità di fornire una alternativa coerente e l’ostinazione a non voler ammainare le vecchie bandiere.
Umberto C